La strega di Camilla Läckberg


Detesto i libri dalle molte copie vendute e  scritti a tavolino, quelli che puoi comprare sugli scaffali del supermercato insieme alla passata di pomodoro in offerta e al detersivo per la lavatrice. A mio discapito devo dire che ricorro a questa tipologia di acquisti solo d’estate, quando sono  al mare  e la bellezza del contesto ti permette di sopravvivere anche ad una brutta lettura.

La Strega di Camilla Läckberg  rientra per me a pieno titolo  in questa  categoria di  libri da spiaggia.

Esaminiamo gli ingredienti per comporre un best-seller estivo.

Dunque, per cominciare,   cavalchiamo l’onda dei noir svedesi  che hanno invaso il mercato  dopo il successo della trilogia Millennium ( naturalmente senza essere Stieg Larsson e senza avere come protagonista un  personaggio convincente come Lisbeth Salander), poi  prendiamo un po’ di argomenti di attualità tipo omicidio non di una ma di due bambine, facendo aleggiare il sospetto di pedofilia, aggiungiamo  qualche rifugiato politico sempre buono e eroico, un pizzico di omosessualità e infine un po’ di  disagio giovanilee  bullismo e  una bella  stragi di coetanei  nelle scuole da parte di adolescenti fuori di testa.  E il  gioco è fatto.

Ma, con un tocco di “originalità”, la Läckberg aggiunge anche, alternandoli  a quelli in cui parla dell’infanticidio, dei capitoli ambientati  nella Svezia del 1600, descrivendo   la fine orribile di una donna accusata di essere una strega. Cosa c’entrino con il resto del giallo  è una domanda che resta inevasa: mi aspettavo almeno che, prima o poi, in un capitolo o in un altro, le due storie si fondessero, per esempio che la strega fosse , che ne so, una lontana antenata di uno dei protagonisti, che si parlasse di una maledizione dei luoghi, qualunque cosa e invece nulla , non c’è rapporto .Le due storie procedono parallele senza mai incrociarsi. Viene il sospetto che il titolo del libro La strega sia un’altra di quelle terribili strategie di marketing per aumentare le vendite e nulla di più.

Insomma una lettura pesa e deludente. Non lo consiglio

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: